Municipio VIII – CeIS; Ludo-Olimpiadi

luglio 15th, 2016 | by CeIS don Mario Picchi

Il Centro di Socializzazione “8 e a capo” dell’VIII Municipio Vi invita a partecipare alla prima edizione delle: LUDO-OLIMPIADI L’evento



Back to Top ↑

  • Donaci il tuo 5 x 1000

  • L’angolo del vignettista MM

  • Sostienici



  • Il delfino – la rivista on line del CeIS

  • Translate


  • …i pensieri di don Mario…

    Cosa rimarrà? Credo che di me rimarranno i gesti concreti di amore e di quella solidarietà che spezza l'egoismo e proietta verso l'alto. La mia capacità di offrire speranza agli smarriti di cuore. Le occasioni da me colte per essere un promotore di pace e di giustizia — don Mario Picchi

    Tre parole chiave sono a mio avviso queste: volontariato, inteso come servizio dello spirito; condivisione, ossia fraternità, cooperazione, collaborazione; e incontro autentico, cioè ascolto, empatia, accompagnamento, presa in carico, non delega — don Mario Picchi

    A tutti noi ha trasmesso il senso dell'impegno, la capacità di coniugare volontariato e professionalità, l'amore per il lavoro inteso come servizio al prossimo. Con la sua grande creatività e fantasia, la sua conoscenza di culture e lingue di tutto il mondo, con il suo instancabile lavoro, Juan ha lasciato in tutti noi una traccia indelebile. — don Mario Picchi su Juan Pares y Plans

    Dovremmo accettare i giovani senza una condanna sempre a portata di mano. Aiutarli perchè capiscano le loro contraddizioni. Stare vicino a loro perchè hanno bisogno di qualcuno cui aggrapparsi, anche quando si vergognano ad ammetterlo. Essere pazienti e generosi, ma anche essere educatori chiari; non rigidi, ma fermi quando necessario. Sarebbe bellissimo se tutti gli educatori si sforzassero di impegnare i giovani stessi a capire, sostenere, aiutare i loro coetanei in difficoltà. — don Mario Picchi

    La comunità è il luogo per prendere coscienza dei propri limiti, trovare la forza di superarli, riscoprire le proprie capacità di azioni positive, ritrovare la fiducia in se stessi. In un clima di profonda partecipazione e solidarietà: perchè nessuno riesce ad accettare il male che ha in sè quando non si sente amato e rispettato. — don Mario Picchi

    Quando scende la notte, guardando il cielo si può notare anche a grande distanza il più piccolo punto luminoso. [...] Anche noi dovremmo guardare di più il cielo senza perdere di vista gli ostacoli che sono sulla terra. Dovremmo riuscire a riscoprire il senso della nostra vita per uscire dalla noia, poichè la realtà che è in noi non ci basta più. — don Mario Picchi