La Comunità Terapeutica “Città della Pieve” è situata in una tenuta del Comune di Roma presso l’omonima città ed è finanziata completamente dall’Agenzia Capitolina sulle Tossicodipendenze.
Obiettivo generale dell‘intervento è quello di accogliere, sostenere ed accompagnare la persona tossicodipendente nel percorso di recupero, finalizzato alla valorizzazione delle sue abilità e capacità personali ed alla correzione degli aspetti disfunzionali. Lo scopo finale è il raggiungimento di un’autonomia personale, l’abbandono dell’uso di sostanze stupefacenti e di comportamenti distruttivi, in un’ottica di ristrutturazione della scala dei propri valori di riferimento.
Il percorso terapeutico/educativo, la cui durata indicatativa è di 29 mesi, terrà conto di specificità, esigenze e tempi di ogni individuo.

Destinatari
Destinatari dell’intervento, sono tossicodipendenti uomini e donne, residenti nel comune di Roma che abbiano bisogno di svolgere un programma residenziale terapeutico-educativo, che necessitino di essere tolti immediatamente da situazioni negative (ambiente sociale, famiglia, ecc.), e che abbiano il tempo necessario per ricostruirsi una nuova rete sociale.

Modalità di accesso
Si accede al servizio direttamente tramite appuntamento telefonico, oppure inviati dal Sert di appartenenza, dall’Agenzia Capitolina sulle Tossicodipendenze, da servizi del Ceis don Mario Picchi o del territorio del comune di Roma; normalmente l’inserimento avviene dopo tre colloqui di conoscenza e valutazione.

Requisiti d’inserimento
Primo requisito è la residenzialità nel comune di Roma, poi la disponibilità ad accettare la proposta terapeutica tramite stipula di contratto.
Non possono essere inseriti utenti con disturbi psichiatrici gravi e che necessitino di contenimento e sostegno medico ed infermieristico quotidiano.

Obiettivi

  • Facilitare la sospensione del comportamento di uso e abuso di sostanze stupefacenti.
  • Utilizzare la rete territoriale per l’orientamento e l’invio dell’utente al servizio più idoneo per problematiche specifiche.
  • Coinvolgere le famiglie e ove possibile inserirle in un percorso di sostegno parallelo.
  • Dare formazione lavorativa al fine di facilitare il reinserimento socio-lavorativo.
  • Accompagnare l’utente al pieno reinserimento sociale, anche al fine di prevenire e/o gestire momenti di crisi ed eventuali ricadute.

Metodologia
Il percorso terapeutico/educativo è articolato in tre fasi, caratterizzate da obiettivi propri, ma tenute insieme da un processo basato sulla motivazione al cambiamento, sul lavoro introspettivo e, nel contempo, su un cammino educativo che mira alla responsabilizzazione progressiva ed accompagna l’utente fino alla completa autonomia ed al totale reinserimento nella società. L’intervento si propone come un sistema aperto all’interno del quale si seguono tempi strutturati e predeterminati, pur mantenendo la flessibilità necessaria per rispondere alle esigenze di ogni singola persona.
Le tre fasi sono ubicate all’interno della tenuta di Città della Pieve.

Strumenti

  • Contratto sociale
  • Contratto terapeutico
  • Gruppo terapeutico di riferimento
  • Colloqui individuali
  • Seminari informativi e culturali
  • Gruppo di settore
  • Confronto
  • Incontro generale
  • Colloqui e gruppi con familiari e membri della rete sociale dell’utente
  • Interventi specialistici
  • Gruppo dinamico
  • Maratone terapeutiche
  • Tempo libero ed attività ricreative
  • Uscite week-end
  • Gruppi week-end
  • Ergoterapia
  • Gruppo di autovalutazione
  • Riunione autogestita

Conclusione del programma terapeutico
La conclusione del programma viene sancita da una cerimonia in cui verrà consegnata agli ex utenti, alla presenza degli operatori, responsabili, familiari e persone particolarmente significative per loro, una attestazione di “Fine Programma” in cui si considerano raggiunti gli obiettivi fissati.
Follow up: oltre alla durata del progetto, per verificare nel tempo la stabilità degli obiettivi raggiunti, sono previsti tre momenti di follow-up a sei mesi, un anno, e due anni dopo la conclusione del programma, attraverso questionari , contatti telefonici, incontri individuali.

Accompagnamento sociale
Questa servizio a carattere ambulatoriale, viene messa a disposizione degli utenti che chiedono un ulteriore supporto Le attività di base sono interventi di gruppo, colloqui, mediazione familiare, consulenza legale, attività culturali, sportive e ricreative.
Inoltre gli utenti saranno coinvolti in attività di tipo formativo/lavorative in collaborazione con Imprese, Cooperative, Centri per l’impiego, ecc.
Il servizio di Accompagnamento sociale è situato nel Presidio Paolo VI in via A. Ambrosini 129

L'orto e la serra della Comunità

Alcune fasi dell'apicoltura

27 giugno 2013 - Festa di inaugurazione

Giugno 2014 - Primo anniversario

Agosto 2015 - Visita del Card. Bassetti

Pasqua 2017: Messa, mostra mercato e quadri viventi

3 Comments

  1. Spero che mio fratello rinasce a vita nuova con il vostro aiuto!! Dovrebbe entrare tra qualche settimana ….io ho molta fede e credo in voi!!

  2. Il programma e i miei compagni di viaggio mia hanno aiutato a riprendere in mano la mia vita nel 94 a san Carlo. Se sei convinto di voler smettere di sentirti dipendente di una sostanza mettiti nelle loro mani e fai cio che ti chiedono di fare. Rinascerai padrone di te stesso!!!! Che bello rileggere la FILOSOFIA!!!!!

  3. Il programma e i miei compagni di viaggio mia hanno aiutato a riprendere in mano la mia vita nel 94 a san Carlo. Se sei convinto di voler smettere di sentirti dipendente di una sostanza mettiti nelle loro mani e fai cio che ti chiedono di fare. Rinascerai padrone di te stesso!!!! Che bello rileggere la FILOSOFIA!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cancella il moduloPost comment