Gioco d’azzardo: Borgomeo (AIART), nel 2014 bandire gli spot dalla tv

Ancora il gioco d’azzardo e la sua pubblicità all’attenzione dell’opinione pubblica, soprattutto per i rischi di indurre una “dipendenza” devastante nelle persone più deboli. Luca Borgomeo, presidente nazionale Aiart (Associazione tele spettatori cattolici), si augura che “il 2014 sia l’anno in cui gli spot del gioco d’azzardo vengano banditi dalla tv, quanto meno nel prime…

Dettagli

“Il carcere non aiuta i tossicodipendenti Meglio le comunità”

Il francescano Vittorio Trani, da 35 anni cappellano di Regina Coeli: “La prima priorità è ridurre il numero dei detenuti, per consentire una gestione che altrimenti finisce per essere compromessa. La pena detentiva da scontare dietro le sbarre andrebbe riservata a reati molto gravi”. Finalmente i braccialetti elettronici. Il garante? “Speriamo che non diventi un…

Dettagli